I nostri eventi speciali
Matteo Marani: Argentina 1978 raccontata ai ragazzi
28 marzo 2019
Condividi

Oltre 100 studenti di licei lombardi e piemontesi sono stati invitati nella sede milanese di Sky per partecipare ad un evento organizzato da Sky Academy e dedicato al racconto e alla proiezione del documentario del giornalista di Sky Sport Matteo Marani: Argentina 1978

Durante il dibattito iniziale, Marani ha spiegato ai ragazzi presenti in studio in che modo i mondiali di calcio del 1978 siano stati usati come strumento di propaganda da parte del regime argentino. Gli oltre 70mila spettatori che il 25 giugno 1978 riempirono lo stadio Monumental di Buenos Aires per la finale contro l’Olanda, non potevano immaginare le tragedie nascoste dietro lo spettacolo: nei garage e nei sotterranei della città, infatti, si torturavano e uccidevano oppositori politici, studenti e cattolici impegnati nel volontariato, più di 30mila desaparecidos i cui corpi non furono più ritrovati. La riflessione si è soffermata anche sul ruolo della stampa, specie quella italiana, che scelse il silenzio. Al Corriere della Sera erano gli anni della proprietà di Angelo Rizzoli e del controllo esercitato in maniera diretta dalla loggia massonica P2, che assicurarono una linea morbidissima nei confronti della dittatura.

In linea con l’obiettivo di Sky Academy, il talk è proseguito con una spiegazione sulla scelta e sull’utilizzo delle fonti storiche all’interno del documentario: grazie anche alla testimonianza di Fabio Fiorentino, che si è occupato di tradurre in immagini il racconto storico, i ragazzi hanno ragionato sugli strumenti di fact-checking utilizzati per costruire lo speciale. A seguire la proiezione del documentario.

I ragazzi sono rimasti favorevolmente colpiti dal racconto di fatti poco trattati dai libri di scuola e hanno acquisito una maggiore consapevolezza circa il grande lavoro di ricerca documentaristica necessaria per la costruzione un prodotto televisivo che faccia affidamento su fonti attendibili e verificate

Altre notizie